Home
 
GLEB KOLYADIN Water movements autoprod. 2021 RUS

Il secondo album solista del pianista russo Gleb Kolyadin, artista che molti di voi ricorderanno sicuramente nella line-up degli Iamthemorning, è in realtà una tappa intermedia verso quello che dovrà essere un prossimo album più ambizioso la cui registrazione dovrà iniziare la prossima estate. Non si tratta di una semplice opera propedeutica o introduttiva ma di un vero e proprio mezzo per raccogliere fondi in previsione di qualcosa di più impegnativo e complesso e anche per questo immagino che l’impianto di questo album risulti piuttosto semplice e fruibile.
Racchiusi in un elegante digipack ad edizione limitata e corredati da un booklet di sedici pagine, questi tredici sketch pianistici sono una specie di diario sonoro registrato da Gleb nel corso degli anni. Si tratta effettivamente di qualcosa di semplice se vogliamo ma di incredibilmente intimistico e poetico: un modo per condividere i propri sentimenti ed il proprio vissuto con gli ascoltatori che ha il sapore di qualcosa di spontaneo e sincero. I brani che possiamo assaporare sono quasi interamente pianistici (con alcuni elementi di synth e tastieristici) con la sola eccezione di “Mirage” che vede la partecipazione discreta di Vlad Avy alla chitarra. I movimenti dell’acqua del titolo, come anche il candido veleggiare delle nuvole spinte da un vento non impetuoso, possono benissimo descrivere questi scampoli di musica così eterea e cinematografica. Le melodie sono limpide, dal taglio moderno, e si basano spesso su poche note, infondendo un generale senso di pace e di rilassatezza. Si tratta di qualcosa in grado di accompagnare piacevolmente i momenti della nostra giornata o di fornire un potente substrato emotivo a sequenze di immagini o di ricordi ma allo stesso tempo di un’opera poetica in cui poter immergere i propri pensieri o i propri sogni. Le emozioni, mai accese nelle loro sfumature sia di gioia che di malinconia, prevalgono sulla tecnica e proprio per questo album risulterà congeniale ad un pubblico ampio.
Potete acquistarlo come investimento per il futuro ma anche e soprattutto per entrare in sintonia con un artista molto amato nello scenario Prog a noi contemporaneo. In ogni caso impossibile rimanere impassibili.



Bookmark and Share

 

Jessica Attene

Collegamenti ad altre recensioni

GLEB KOLYADIN Gleb Kolyadin 2018 
IAMTHEMORNING ~ 2012 
IAMTHEMORNING Belighted 2014 
IAMTHEMORNING Lighthouse 2016 
IAMTHEMORNING Ocean sounds 2018 
IAMTHEMORNING The bell 2019 

Italian
English