Home
 
CROSS Cross III - Changing poison into medicine Lyxvax 1993 SVE

Il signor CROSS Ŕ un chitarrista svedese, il quale, assieme alla sua band, Ŕ giunto al terzo album. Il gruppo Ŕ formato da gente chiamala Tai (voce), Nordenfelt (basso e shaker - !), e Hadders (batteria), mentre il nostro eroe si esibisce anche ai sintetizzatori. Il buon Max Pieretti, che li ha visti dal vivo ad Uppsala, ci garantisce che on stage il gradimento nei confronti del gruppo ha impennate ben maggiori che a sentirli su disco. Non stento a credere una cosa del genere, visto che l'album qui in oggetto raramente ci strappa gridolini d'entusiasmo, a partire dal pezzo d'avvio, la lunga "Courage". Si tratta di una composizione di oltre 13 minuti molto spezzettata, che passa da una situazione musicale all'altra senza un vero nesso logico. Molto crimsoniano il risultato, per˛... ce ne corre...! L'album, che Ŕ molto lungo (76 minuti), Ŕ formato per il resto della sua lunghezza da canzoni di media lunghezza. Contrariamente a quanto accade spesso nel Prog, sono proprio i pezzi dalla durata pi¨ contenuta a risultare i migliori, meglio costruiti e ben indirizzati. Il secondo brano "While there is time" Ŕ forse il migliore del lotto, dalle sonoritÓ vagamente oscure e ben assestato nell'arrangiamento. Nell'arco della lunga durata dell'album, ci sono i minuti sufficienti per fare un discreto album di lunghezza normale, magari non troppo avventuroso, ma gradevole. Il gruppo non convince appieno quando c'Ŕ da andare al di lÓ dell'ordinario; non per mancanze tecniche (anzi...), quanto per un'effettiva scarsitÓ nel collegare fra di loro le idee.

 

Alberto Nucci

Collegamenti ad altre recensioni

CROSS Paradox 1995 
CROSS Gaze 1996 
CROSS Dream reality 1997 
CROSS Playgrounds 2004 
SPEKTRUM Spektrum 2003 

Italian
English