Home
 
CONQUEROR Istinto PeccatOriginale 2003 ITA

Attivi ormai da quasi 10 anni, i messinesi Conqueror si autoproducono in pratica il loro disco di esordio, con le limitazioni tecniche che queste scelte spesso comportano. In effetti l'album ha un sapore grezzo e pare quasi registrato in presa diretta; manca forse un lavoro di post produzione ma comunque, tutto sommato, il risultato non è disprezzabile. La musica che il quartetto vuole esprimere si tiene in costante bilico tra un rock di facile assimilazione e l'istinto di avventurarsi in qualcosa di più elaborato e complesso. Ecco quindi che la musica si fa senz'altro più interessante quando il gruppo decide di lasciare andare gli strumenti, dando libero sfogo a quell'istinto (o a coloro all'interno della formazione che puntano in questa direzione), considerando anche che si tratta di buoni strumentisti. Le parti cantate sono affidate a Simona Rigano, che si occupa anche delle tastiere, la cui voce rende sicuramente meglio quando affronta tonalità alte, trovandosi un po' in difficoltà, o comunque non rendendo in maniera ottimale, scendendo di qualche ottava: in questo caso l'esecuzione viene affrontata in maniera un po' scolastica. Una voce che secondo me andrebbe un po' educata ma che non è priva di potenzialità. Se l'inizio del CD lascia spazio a delle composizioni un po' più lineari, man mano che i minuti e le tracce scorrono, ascoltiamo dei brani via via più articolati e (diciamolo!) più interessanti. Musicalmente è difficile trovare un riferimento preciso per i Conqueror: troviamo il new Prog ad ampio raggio ed il Progressive italiano, il tutto su una base abbastanza Floydiana. Detto così significa tutto e niente, me ne rendo conto, ma questo va senz'altro a vantaggio del simpatico gruppo siciliano.

 

Alberto Nucci

Collegamenti ad altre recensioni

CONQUEROR Storie fuori dal tempo 2005 
CONQUEROR 74 giorni 2007 
CONQUEROR Madame Zelle 2010 
CONQUEROR Stems 2014 
CONQUEROR Un’altra verità (CD+DVD) 2015 

Italian
English