Home
 
CHANCE Escape to horizon Musea 2000 FRA

Questo cd ha rappresentato per me una gradita sorpresa, infatti mi sono trovato davanti a un lavoro maturo e davvero interessante! Il gruppo in questione Ŕ formato dal solo Laurent Simonnet che si cimenta a tutti gli strumenti (digitali, quali tastiere, bass-synt e drum machine) e che qua e lÓ viene coadiuvato dai due grandi chitarristi Roine Stolt dei Flower Kings (sta diventando anche lui un prezzemolo del prog!) e Jean Luc Payssan dei Minimum Vital. Il risultato Ŕ rappresentato da un'ora di musica nella quale si hanno echi di Pink Floyd, Camel, Perndragon e un pizzico del nostrano Doracor. I brani sono quasi tutti di lungo minutaggio, e servono per far sfogare sia la perizia tecnica dei chitarristi, sia la tecnologia avanzatissima dell'autore. Gradevolissimo all'ascolto, molto vario (pezzi veloci si alternano bene a lunghe scene di immobilitÓ sonora) e davvero fresco e originale, questo Ŕ un disco da non lasciarsi scappare assolutamente. Parola mia.

 

Marco Lastri

Italian
English