Home
 
DRAMA Drama Musea 1996 FRA

Non Ŕ sempre necessario andare alla ricerca del nuovo a tutti i costi in campo musicale, anche se, in assenza di qualcuno che sperimenti e ricerchi, saremmo ancora con la clava a martellare su di un tronco d'albero. Ci˛ non vuoi comunque dire che non bisogna apprezzare anche chi reinterpreti qualcosa di giÓ conosciuto. Quest'ultimo potrebbe essere il caso degli onesti Drama, che pur non impressionandoci per la loro opera, hanno raggiunto un risultato non disdicevole in termini musicali. Il principale limite di questo gruppo francese Ŕ proprio da ricercarsi nella vaga impressione di giÓ sentito suscitata in chi, come noi recensori, sente decine di nuovi CD ogni mese. Sia ben inteso che i Drama non costituiscono l'ennesima clonazione stilistica, ma ci˛ nonostante, pare di sentire echi di note giÓ elaborate, specie da quella vasta schiera di gruppi canterburiani che imperversano da oltre un ventennio. Fin dal primo pezzo, "Renaissance", dopo un crescendo di inequivocabile fattura marillioniana, assistiamo al susseguirsi di momenti melodici giocosi e solari sullo stile dei Camel pi¨ moderni e dei Rousseau. Momenti che si ripetono con infinitÓ varietÓ in tutto il lavoro, intervallati da molteplici velocizzazioni, principalmente basate sull'Hammond, che riescono a spezzare un insieme a volte fin troppo equilibrato (anche se non banale). Influenze melodico-stilistiche tipicamente transalpine emergono e lÓ, dominando vistosamente in alcuni brani quali "Vertigo" e "Jaracanda" (che ricordano alcune cose degli Elixir o dei Nuance). Degno di una sicura menzione finale Ŕ il capace e promettente bassista Jean-Franšois Duboc, il cui protagonismo pu˛ trovare un certo riferimento nel maestro Squire. A questo punto pare difficile dare un giudizio netto e conclusivo (che probabilmente non esiste) su questo lavoro...

 

Giovanni Baldi

Collegamenti ad altre recensioni

DRAMA Stigmata of change 2005 

Italian
English