Home
 
DGM Random access zone autoprod. 1997 ITA

Mini CD di quattro brani per l'esordio di questo gruppo italiano composto da cinque elementi nella classica formazione prog metal: basso-chitarra-tastiera-batteria-voce. Nonostante la promettente strada che questo quintetto sembra avere di fronte a se, mi pare di riscontrare ancora qualche lieve imperfezione generale, dovuta forse all'aver realizzato un lavoro pi¨ simile ad un demo che non ad una vera e propria produzione. E' infatti evidente una certa carenza sotto l'aspetto della registrazione, che resta comunque di molto superiore a certe lavori avventati realizzati da etichette con pochi scrupoli.Lo stile proposto Ŕ quello di un piacevole metal progressivo, caratterizzato da una buona performance del tastierista Roberto Ricatelli. A tratti la melodia mostra una notevole inclinazione verso il sound heavy sia per certe ritmiche troppo lineari (sottolineate da una non troppo convincente chitarra ritmica), sia per le caratteristiche vocali del singer Luciano Regoli. Una prova che ha convinto quasi pienamente noi utenti musicali. Aspetto comunque con una certa curiositÓ una performance completa: credo di avere ulteriori soddisfazioni da questi DGM.

 

Giovanni Baldi

Collegamenti ad altre recensioni

DGM Change direction 1997 
DGM Wings of time 1999 

Italian
English