Home
 
INSTANT FLIGHT Colours & lights Beard Of Stars 2005 UK

Fra luci, colori, promesse di voli istantanei, Alice, il cappellaio matto ed il coniglio dallo sguardo perplesso in copertina, funghi rossi a pallini bianchi sullo sfondo e teiera antropomorfa, si consumano le allucinazioni evocate da questa band di chiara ispirazione psichedelica anni Sessanta. Ritmi ipnotizzanti che si fanno strada attraverso l'azione di sfondamento dello Hammond, tracce vocali accattivanti alla Beatles ed inflessioni sonore allucinogene e vibranti vi terranno con le orecchie attaccate alle casse e con la testa sospesa in un alone puzzolente di nuvolette colorate tagliate da luci strobo intermittenti. Non stupitevi se vi ritrovate a ballare inebriati fra le note orientaleggianti di "Top of the Mountain" o a canticchiare l'intrigante "Her Mystery", con intermezzo di ottoni (autentici) che sembra prendere involontariamente in giro "Atom Heart Mother". Il tutto Ŕ decisamente coinvolgente ed accattivante, con uno spirito che potrebbe, per certi versi, ricordare l'approccio dei London Underground verso un certo tipo di musica e di epoca. Fatto sta che questi quattro artisti, in apparenza un po' sballati, sembrano essere sbucati fuori direttamente dalla copertina di "Sergent Pepper". A dare la sua approvazione verso questa travolgente band interviene anche Arthur Brown che partecipa in prima persona cantando nella cover di "Kites" dei Simon Dupree & Big Sound (band pre Gentle Giant). Guardando i nomi degli artisti si intuiscono le origini italiche del cantante e chitarrista Marco Magnani e ceche della tastierista (che canta nel pezzo di chiusura) anche se la band comunque vive e crea nella fumosa Londra. A parte questo, che rappresenta l'esordio su lunga distanza, il gruppo aveva dato alle stampe, in precedenza, un mini album. Insomma, riassumendo: originalitÓ zero ma divertimento assicurato con questo vinile... ops... CD che non vuole pi¨ uscire dal mio lettore.

 

Jessica Attene

Italian
English