Home
 
KARFAGEN The space between us Unicorn Digital 2007 UKR

A un anno dal graziosissimo esordio che ci aveva piacevolmente sorpreso, il tastierista Antony Kalugin ci regala un nuovo album. Rimane immutata la formazione di base e ancora una volta numerosi ospiti sono stati chiamati a completare il progetto: se ne contano otto che si dividono fra chitarre, basso, lira ucraina e bayan. L'oscura copertina, che questa volta ritrae un paesaggio invernale che si stende sotto un cielo plumbeo, con una prospettiva che sembra dare un'idea di lontananza e solitudine, lascia trasparire la grande vena descrittiva e paesaggistica della musica. Una musica che sembra liberarsi nei grandi spazi, fino a riempirne delicatamente l'atmosfera, proprio come farebbe lenta e silenziosa una nevicata, che questa volta offre suggestioni inquietanti e dolorose, oltre che romantiche e meditative. "Masks and Illusions", per fare un esempio, sembra quasi ambientarsi nel paesaggio della copertina, con i suoi suoni tetri, i vocalizzi angoscianti, il vago sospirare del vento che si percepisce all'inizio, in un'atmosfera che fa quasi rabbrividire, ed i suoi ricami di lira e flauto, dal sapore mediorientale. Rimane immutato il grande ruolo delle tastiere, onnipresenti, dai suoni fluidi e brillanti, dal potere narrativo suggestivo, con la loro scelta cromatica di registri particolare ed elegante. Bisogna però sottolineare che questo nuovo lavoro presenta una maggiore ecletticità e variazioni musicali più articolate rispetto al pur ottimo esordio. Non aspettatevi comunque chissà quali guizzi strumentali: le composizioni sono rarefatte ed avvolgenti, tratteggiate in maniera morbida e sfumata e si sviluppano con fluidità e pacatezza. Vi sono maggiori rifiniture e un ruolo della batteria più dinamico, con l'aggiunta a volte di percussioni tradizionali, anche se la timbrica di questa, asciutta e dal sapore sintetico, rimane forse il punto più debole dell'insieme sonoro complessivo. Non mancano momenti più sognanti, come "Temple of Light", una traccia dal sapore fresco e incantato, con bellissimi riferimenti agli Happy The Man. Bellissimi i ritagli di pianoforte, ora dal sapore contemporaneo, come in "The Dream Master", una visione alla Debussy, ora dal sapore jazzy. Nel complesso l'album è composto da una serie di tracce brevi, sedici in tutto, sospese fra musica sinfonica, accenni folkloristici impercettibili ma preziosi come i fili d'oro intessuti nel broccato (semplicemente meravigliosa sotto questo punto di vista "Wonder Valleys"), elettronica sofisticata e fusion garbata. Consentitemi di dire che questo nuovo lavoro supera addirittura il precedente per idee, ricchezza di suoni, per le trame sonore narrative più vivaci, rappresentando quindi uno sviluppo e un compimento di quanto già proposto.

 

Jessica Attene

Collegamenti ad altre recensioni

KARFAGEN Continium 2006 
KARFAGEN Solitary sandpiper journey 2010 
KARFAGEN Solitary sandpiper journey 2010 
KARFAGEN Spektra 2016 
SUNCHILD The gnomon 2008 
SUNCHILD The invisible line 2009 

Italian
English