Home
 
KARDA ESTRA Constellations Cyclops 2003 UK

Il polistrumentista Richard Wileman Ŕ attivo con la sigla Karda Estra giÓ da diversi anni e continua la pubblicazione di interessanti lavori basati su un progressive molto morbido ed atmosferico, con le tastiere in primo piano a creare sfondi tranquilli ed estatici. Ma Wileman (abile cesellatore anche con le chitarre classiche ed elettriche) Ŕ coadiuvato da altri musicisti che arricchiscono le raffinate sonoritÓ con i timbri delicatissimi di violino, violoncello, viola, oboe, flauto e sax e risulta fondamentale anche la presenza anche di Ileesha Bailey, che con i suoi celestiali e sognanti vocalizzi contribuisce in maniera non indifferente a rendere affascinante le composizioni presenti in questo disco. "Musica ispirata dallo spazio e dal tempo", recitano le note di copertina e questa sorta di new-age sinfonica e cosmica si ravvisa chiaramente nelle sette tracce che vanno a formare quest'album, che prende non pochi spunti dalla musica classica, ma che pure Ŕ legato strettamente a certe esperienze dei Popol Vuh (come non sentire qualcosa di "Hosianna Mantra" in alcuni frangenti di "Cassiopeia" e "Phoenix"), dei Djam Karet versione ambient (in particolare su "Vela"), dei recenti Hostsonaten o dell'Anthony Phillips pi¨ orchestrale. E, per rimanere in tema genesisiano, si segnala anche la cover di "Twice around the Sun", bel brano di Steve Hackett presente su "Darktown", qui in una versione atmosferica molto suggestiva. "Constellations" Ŕ uno squisito album carico di magia, di passione e di emozioni, che punta sulla sensibilitÓ piuttosto che sulla tecnica, facendo innalzare notevolmente le quotazioni a nome Karda Estra, "entitÓ" da scoprire e da seguire attentamente.

 

Peppe Di Spirito

Collegamenti ad altre recensioni

ARTEMIY ARTEMIEV (and KARDA ESTRA) Equilibrium 2002 
KARDA ESTRA Voivode Dracula 2004 
KARDA ESTRA The age of science and enlightenment 2006 
KARDA ESTRA Weird tales 2009 

Italian
English