Home
 
KARNATAKA Delicate flame of desire Immrama Records 2003 UK

I britannici Karnataka sfornano un nuovo cd (Ŕ il terzo) in cui si esibiscono in un bel progressive dove Ŕ la melodia a farla da padrona. Dopo la breve introduzione strumentale "Karnataka", che ci comincia a presentare le atmosfere rilassate e leggermente folkeggianti della band, entriamo nel vivo del disco con una serie di brani molto coinvolgenti, guidati dalla chitarra elettrica che si lancia in incantevoli assolo e con le tastiere sempre presenti, sia in sottofondo, sia come accompagnamento, sia, a tratti, come strumento di punta. Non mancano piacevoli e precisi interventi acustici di chitarra e flauto, ma si deve rimarcare soprattutto la bellissima voce femminile, pulita e brillante, che ci accompagna nel migliore dei modi nel vivo di brani costruiti con semplicitÓ, con tanto di refrain orecchiabili, eppure molto raffinati. Dopo cinque tracce, tutte tra i sei e gli otto minuti, che mantengono invariate simili caratteristiche, arriva "One breath away" a cambiare un po' le carte in tavola: ritmi campionati non invadenti per un pop elettronico di buon impatto. "Out of reach" Ŕ una ballad che si apre con chitarra acustica arpeggiata e deliziose melodie vocali e che prosegue poi con tastiere orchestrali, ritmi compassati, guitar-solos melodici e spunti di musica celtica. A concludere il cd ci sono i dieci minuti e mezzo di "Heart of stone", a cavallo tra new-prog e folk anglosassone. Questo Ŕ uno di quei dischi che dimostra come il progressive possa essere creato ed eseguito con semplicitÓ e mantenere inalterato il suo fascino.

 

Peppe Di Spirito

Collegamenti ad altre recensioni

KARNATAKA The storm 2000 
KARNATAKA Strange behaviour 2004 
PANIC ROOM Visionary position 2008 
THE REASONING Adverse camber 2010 

Italian
English