Home
 
ANEKDOTEN Vemod Virta 1993 SVE

La leggenda vuole che le lande svedesi riservino gioie inenarrabili a virtuosi maschi latini. Pare per˛ che ultimamente le bionde vichinghe che rendono queste fredde terre del nord una sorta di paradiso terrestre non siano l'unica fonte di gioie; emozioni di pari intensitÓ sono ora elargite a piene mani anche a persone che alle vichinghe non sono interessati. DICE, ISILDUR'S BANE, KAIPA, MIKLAG┼RD, LANDBERK, ecc... hanno sempre raccolto interesse ed ammirazione (soprattutto i primi), lo stratosferico Hybris degli ─NGLAG┼RD ha poi recentemente fatto gridare alla meraviglia, ma la leadership delle bionde vichinghe come elemento d'attrattiva della Svezia non pareva neppure lontanamente insidiata... Dal nulla sono per˛ ora arrivati anche gli ANEKDOTEN, gruppo di assoluta rilevanza nell'intero, panorama mondiale: chitarra, percussioni, cello, voce e due mellotron l'armamento di cui dispongono ma a caratterizzare il suono del gruppo Ŕ lo spregiudicato uso del basso, non a caso suonato dall'autore delle musiche. Un utilizzo a dir poco irriverente, una pugnalata alle spalle per i molti che sostengono un ruolo del basso relegato a semplice cornice delle melodie; un rumoroso magma in movimento sorregge i migliori momenti del lavoro, una ribollente marea di basse tonalitÓ per la quale, se si volesse cercare un paragone, si dovrebbe ricorrere ai filo-punkeggianti pi¨ che agli stessi KING CRIMSON ai quali il risultato d'insieme della musica sicuramente si accosta. Non si deve immaginare quanto fino ad ora detto come un invadente ed infruttuoso marasma di martellanti suoni, cosý come Ŕ capace di essere la melodia guida, il basso riesce con altrettanta efficacia. a contornare il lavoro degli altri strumenti cosý da rendere l'opera un'altalena di intensitÓ emotiva e decisa forza d'impatto... caratteristica che fa brillare il lavoro, che lo rende decisamente superiore alla media... molto vicino alle pietre miliari.
Superiori agli ─NGLAG┼RD per quanto riguarda il cantato (l'utilizzo dell'inglese rende questo pi¨ scorrevole, meno irto di spigoli ed ostacoli), questi ANEKDOTEN non raggiungono le vette alle quali i cugini sono riusciti a portare l'ascoltatore ma il paragone Ŕ alquanto insignificante vista la concezione completamente differente delle due opere: pi¨ sinfonico "Hybris", pi¨ immediato "Vemod". Sette tracce per un totale di 46 minuti, 46 minuti che lasciano tanta gioia quanta voglia di essere riascoltati... la sublimazione dell'energia.

 

Luca Rodella

Collegamenti ad altre recensioni

ANEKDOTEN Nucleus 1995 
ANEKDOTEN Live in Japan 1998 
ANEKDOTEN From within 1999 
ANEKDOTEN Gravity 2003 
ANEKDOTEN Waking the dead, live in Japan 2005 2005 
ANEKDOTEN A time of day 2007 
ANEKDOTEN Until all the ghosts are gone 2015 
MORTE MACABRE Symphonic holocaust 1998 
NICKLAS BARKER El ultimo fin de semana 2011 

Italian
English