Home
 
ARIES Aries Mellow Records 2005 ITA

Ancora lui, ancora Fabio Zuffanti, ovvero il Leonardo da Vinci della musica, l'uomo al quale potete chiedere qualunque tipo di cimento nel campo d'Euterpe nella certezza che egli saprÓ restituirvi un capolavoro: commissionategli di tutto, da Mino Reitano a John Zorn, e vedrete che non vi tradirÓ!
Aries, l'ennesimo progetto del Nostro, Ŕ costruito essenzialmente sulla splendida voce di Simona Angioloni. Dall'incontro fatale fra i due - nell'arte ma anche nella vita - Ŕ scaturito questo magistrale esempio di folk progressive che cita il giusto ma non scopiazza mai, e che mantiene costantemente tese le corde dell'emotivitÓ. "Morning Song" tocca subito il profondo dell'anima, grazie alle delicate atmosfere generate dalla dolce Angioloni e dai tappeti tastieristici di Robbo Vigo. Bellissima la struggente melodia, come pure il tema eseguito dal flautista Carlo Barreca. Non mancano, peraltro, maestose aperture, e in particolare il finale ci conduce nell'alveo sinfonico/romantico. Lo stesso vale per la pi¨ concisa "Coming Back to Life", dove il suadente inizio, vicino per stile all'ultima Jenny Sorrenti, Ŕ contrappuntato da un improvviso ripieno strumentale, dove la chitarra di Fabio Venturini e la batteria di Pierpaolo Tondo hanno modo di scatenarsi con epicitÓ Ó gogo. Praticamente perfetti i 13 minuti di "The Eye of the Storm", con un dosaggio ottimale di prog classico arricchito da quelle deliziose variegazioni alla Zuffanti che ben conosciamo, prima della toccante trama per organo e voce: la Angioloni dimostra tutta la sua bravura tecnica scorrazzando senza incertezze lungo l'intero registro. Da vera libidine lo stacco ai confini con l'hard, nel cui apocalittico sviluppo fa talora capolino, perchÚ no, anche la Maschera di Cera. "It Struck Me Every Day" e "Crossing the Bar" si possono invece accomunare per un certo andamento pastorale venato di malinconia, e il cantato si fa simile a quello di Rose Podwojny degli indimenticabili francesi Sandrose, con cui gli Aries condividono gli accenti bucolici e le sfumature canterburiane. Un piano minimale trasporta nel fatato regno di "When Night Is Almost Done": l'intelligente chitarra a metÓ strada fra Steve Hackett e Phil Miller, il leggiadro organo con effetto Leslie, la progressiva vivacizzazione dove i vocalizzi si incastonano alla grande... Tutto Ŕ eccezionale in questo trionfo conclusivo.
Sei pezzi, sei circoletti attorno al numero della traccia nei miei personali appunti raccolti durante l'ascolto, a significare l'eccellenza delle medesime tracks: un en plein che quasi mai si verifica. Un evento, questo di Aries, davvero imperdibile per i fans devoti a Blackmore's Night, Kate Bush e Tori Amos: scopriranno un masterpiece assolutamente all'altezza.

 

Francesco Fabbri

Collegamenti ad altre recensioni

ARIES Double reign 2010 
FABIO ZUFFANTI Ghiaccio 2010 
FABIO ZUFFANTI La quarta vittima 2014 
FABIO ZUFFANTI & VICTORIA HEWARD Merlin: the Rock Opera 2000 
FINISTERRE Finisterre 1994 
FINISTERRE In limine 1996 
FINISTERRE Ai margini della terra fertile 1997 
FINISTERRE In ogni luogo 1999 
FINISTERRE Storybook 2001 
FINISTERRE Harmony of the spheres 2002 
FINISTERRE La meccanica naturale 2004 
FINISTERRE Memoirs 2014 
HÍSTSONATEN Mirrorgames 1998 
HÍSTSONATEN Springsong 2002 
HÍSTSONATEN Autumnsymphony 2009 
HÍSTSONATEN Summereve 2011 
HÍSTSONATEN The rime of the ancient mariner - Chapter one 2012 
HÍSTSONATEN Symphony n.1: Cupid & Psyche 2016 
LĺOMBRA DELLA SERA Lĺombra della sera 2012 
LA MASCHERA DI CERA La maschera di cera 2002 
LA MASCHERA DI CERA Il grande labirinto 2003 
LA MASCHERA DI CERA In concerto 2004 
LA MASCHERA DI CERA LuxAde 2006 
LA MASCHERA DI CERA Petali di fuoco 2010 
LA MASCHERA DI CERA Le porte del domani 2013 
LA ZONA Le notti difficili 2002 
QUADRAPHONIC Il giorno sottile 2002 
QUADRAPHONIC Le fabbriche felici 2003 
ROHMER Rohmer 2008 

Italian
English