Home
 
FLOWER KINGS Adam & Eve Inside Out 2004 SVE

Una maniera per combattere le allergie, spiegato in parole grossolane, prevede la somministrazione delle sostanze verso le quali siamo sensibili fino ad arrivare alla desensibilizzazione. I Flower Kings hanno ottenuto in una buona fetta di pubblico, me compresa, questo risultato: sono partiti in quarta affascinando i cultori del prog con un paio di ottimi album e poi si sono persi nella ripetizione all'infinito e nella celebrazione di sÚ stessi, propinandoci fin troppo spesso brodaglie diluite ed insipide. Non passa anno senza che venga pubblicato un album della simpatica band svedese e le loro uscite discografiche sono un po' come il miracolo di San Gennaro: se non si ripete si cade nell'apprensione e nello sconforto totale nel timore che accada qualche sciagura. Ma veniamo a noi, come Ŕ questo nuovo album? Per fortuna vi posso dire che non Ŕ doppio! Abbiamo soltanto due pezzi di discreta lunghezza: il brano d'apertura, "Love Supreme" e, quasi in chiusura, "Drivers Seat", rispettivamente di 19 e 18 minuti. Che l'amico Roine stia imparando l'antico motto ellenico "ottima Ŕ la misura"? In effetti, tirando le somme, nel timbrare il cartellino, i Flower Kings hanno confezionato un prodotto piuttosto equilibrato, non dispersivo e questa volta senza troppi riempitivi, con la giusta dose di tutti gli ingredienti ormai noti e sfruttati: tanta melodia, un ambiente sinfonico all'ennesima potenza, cori cantabili, un sound a metÓ tra il vintage ed il tecnologico, ballad sin troppo melense condite da qualche timido tentativo di rinnovamento. Insomma la ricetta Ŕ quella che conoscete bene: questo gruppo non riserva proprio pi¨ sorprese. Non pensiate che dietro il mio sarcasmo si nasconda del disprezzo: questa prova Ŕ tutto sommato godibile e ben realizzata, come del resto tutti gli altri album, che sembrano per˛ usciti da una catena di montaggio. Prevale come al solito una certa propensione allo Yes-sound, condito con tutti quegli espedienti ritmici e rumoristici che la band sa ben assemblare. I fans saranno sicuramente soddisfatti, ma non condivideranno la stessa sorte coloro che hanno il desiderio di disintossicarsi un po'.

 

Jessica Attene

Collegamenti ad altre recensioni

AGENTS OF MERCY The black forest 2011 
ANDERSON/STOLT Invention of knowledge 2016 
CIRCUS BRIMSTONE Live - brimstoned in Europe 2005 
FLOWER KINGS Back in the World of Adventures 1995 
FLOWER KINGS Retropolis 1996 
FLOWER KINGS Stardust we are 1997 
FLOWER KINGS Flower power 1998 
FLOWER KINGS Scanning the greenhouse 1998 (Musea 2001) 
FLOWER KINGS Space revolver 2000 
FLOWER KINGS Alive on Planet Earth 2000 
FLOWER KINGS The rainmaker 2001 
FLOWER KINGS Unfold the future 2002 
FLOWER KINGS @Live recording 2003 - meet the Flower Kings 2003 
FLOWER KINGS Paradox hotel 2006 
FLOWER KINGS The sum of no evil 2007 
FLOWER KINGS Banks of Eden 2012 
FLOWER KINGS Desolation rose 2013 
HASSE FRÍBERG AND MUSICAL COMPANION Powerplay 2012 
KARMAKANIC Entering the spectra 2002 
KARMAKANIC Wheel of life 2004 
ROINE STOLT The flower king 1994 
ROINE STOLT Hydrophonia 1998 
ROINE STOLT Wall Street voodoo 2005 
TOMAS BODIN An ordinary night in my ordinary life 1997 
TOMAS BODIN Pinup guru 2002 
TOMAS BODIN I A M 2005 

Italian
English