Home
 
STEVE HACKETT To watch the storms Camino Records 2003 UK

Continua la prolificità discografica di Steve Hackett e continua mantenendo notevolmente elevata la qualità dei prodotti che giungono alle nostre orecchie. "To watch the storms" è il nuovo album elettrico del chitarrista, che esce quattro anni dopo "Darktown" e si presenta nei negozi in una doppia versione: oltre a quella caratteristica in jewel case, è stata infatti messa in commercio una edizione speciale con il cd contenuto all'interno di un ricco libretto con copertina rigida, nel quale sono presenti delle note scritte da Hackett per la descrizione di ogni brano e numerosi dipinti di Kim Poor. In questa versione (oggetto della recensione), inoltre, troviamo anche ben quattro brani in più.
Ma veniamo al contenuto musicale, ricordando che il chitarrista è accompagnato in quest'occasione da una vera e propria band - la stessa che lo ha seguito in tour nei mesi precedenti - composta da Roger King alle tastiere, Rob Townsend ai fiati, Terry Gregory al basso e Gary O'Toole alla batteria. Hackett sembra quasi voler ripercorrere un po' tutte le tappe della sua carriera, affrontando, in pratica, tutti gli stili in cui si è cimentato. Possiamo così ascoltare alcune ballate melodiche e malinconiche ("Strutton round", "Serpentine song", "This world"), ma anche i rimandi classici con una chitarra acustica che sembra uscita dal disco "A midsummer night's dream" ("Wind, sand and stars", la bellissima "The Moon under water", quasi una nuova "Horizons", e la conclusiva "If you only knew"), momenti vicinissimi ad un prog abbastanza tirato (la crimsoniana "Mechanical bride", già apprezzata sull'ultimo live e le continue variazioni di "Brand new"), un brano che unisce musica etnica ed elettronica ("The silk road"), il blues di "Fire island", gli accenni jazz di "Frozen statues", qualche stranezza riconducibile alle varie "Carry on up the vicarage" e "Sentimental institution" (tra le quali mi preme segnalare la umoristica "The devil is an englishman") e persino una sorta di mazurca-rock con "Come away". Moltissima carne al fuoco, quindi, per un disco formato da brani sì molto diversi tra loro, ma che, pur con qualche piccolissima caduta di tono nei momenti più strambi, presentano un comune denominatore nella straordinaria classe con cui Hackett dimostra, per l'ennesima volta, di essere non solo un grandissimo chitarrista, ma anche uno straordinario compositore.

 

Peppe Di Spirito

Collegamenti ad altre recensioni

DJABE (with Steve Hackett) Sipi emlékkoncert 2009 
DJABE (Special guest Steve Hackett) In the footsteps of Attila and Genghis 2011 
GANDALF Gallery of dreams 1992 
STEVE HACKETT The Tokyo tapes 1997 
STEVE HACKETT Darktown 1999 
STEVE HACKETT Feedback 86 2000 
STEVE HACKETT Live Archive 70-80-90 2001 
STEVE HACKETT Live Archive 70-80-90 2002 
STEVE HACKETT Somewhere in South America... Live in Buenos Aires 2002 
STEVE HACKETT Live archive: NEARFEST 2003  
STEVE HACKETT Live archive 03 / Live archive 04 2004 
STEVE HACKETT (& Underworld Orchestra) Metamorpheus 2005 
STEVE HACKETT Wild orchids 2006 
STEVE HACKETT Tribute 2008 
STEVE HACKETT Out of the tunnel’s mouth 2009 
STEVE HACKETT Beyond the shrouded horizon 2011 
STEVE HACKETT Genesis revisited II 2012 
STEVE HACKETT Genesis Revisited: Live at Hammersmith 2013 
STEVE HACKETT Wolflight 2015 
STEVE HACKETT The night siren 2017 
STEVE HACKETT / DJABE Summer storms & rocking rivers (CD+DVD) 2017 

Italian
English