Home
 
STEVE HACKETT (& Underworld Orchestra) Metamorpheus Inside Out 2005 UK

Che i musicisti del primo progressive, anni ’70, avessero un debole per la musica classica è dato certo e risaputo. Questo ne è un esempio. Un grande esempio. Hackett, dopo il primo tentativo, ben riuscito, del “Sogno di Mezza Estate” torna a far sposare la sua splendida tecnica chitarristica con la grande orchestra. E questa volta tocca alla "Underworld Orchestra". Una lunga serie di brani ininterrotti. Un’unica traccia di quasi un’ora ove spiccano parti maestose, melodie ariose e gratificanti, e passaggi oscuri come antri infernali. Benché questo disco si avvicini maggiormente a musiche che debbono necessariamente lasciare il giudizio a gusti e capacità interpretative personali, non lo si può etichettare né come opera Classica, né come opera Prog-Rock. Tutto è messo in riga dalle sgrappolate di note della nylon guitar di Steve che pone una seppur flebile linea di demarcazione spostando l’accento ora sul classico ottocentesco (Paganini docet), ora su arie rinascimentali e, infine, su strappi di modernità dove spicca solitario epigone della sua stessa bravura. I brani, seppur strumentali, seguono una chiara traccia da ovattate atmosfere della Grecia classica e dell’Arcadia dei miti: già eloquenti i titoli dei brani che ci fanno sognare tra Lyra, Caronte, Euridice, Orfeo e Cerbero. “That vast life” per lunghezza, oltre 12 minuti, per movimento e varietà, è il brano che più può interessare i lettori più radicati nel prog, ma anche l’iniziale “The pool of memory...” che presenta una certa aria alla “Lawrence D’Arabia” può rientrare in certe atmosfere a cui le nostre orecchie sono avvezze. Splendidi i temi di “Lyra”, Charon’s call” e “Under the world...” Molto particolari e brillanti quelli di “The dancing ground" e “Return to the realm…” Intensi e da assaporare fino all’ultima nota quelli di “Song of nature”, “Eurydyce” e Severance”. Globalmente un gran bel lavoro. Diverso da tutto ciò che ascoltiamo normalmente ma, provenendo dal genio di Hackett un valore aggiunto a qualsiasi discografia dove la passione, il sogno e le grandi emozioni hanno lo spazio riservato.

 

Roberto Vanali

Collegamenti ad altre recensioni

DJABE (with Steve Hackett) Sipi emlékkoncert 2009 
DJABE (Special guest Steve Hackett) In the footsteps of Attila and Genghis 2011 
GANDALF Gallery of dreams 1992 
STEVE HACKETT The Tokyo tapes 1997 
STEVE HACKETT Darktown 1999 
STEVE HACKETT Feedback 86 2000 
STEVE HACKETT Live Archive 70-80-90 2001 
STEVE HACKETT Somewhere in South America... Live in Buenos Aires 2002 
STEVE HACKETT Live Archive 70-80-90 2002 
STEVE HACKETT To watch the storms 2003 
STEVE HACKETT Live archive: NEARFEST 2003  
STEVE HACKETT Live archive 03 / Live archive 04 2004 
STEVE HACKETT Wild orchids 2006 
STEVE HACKETT Tribute 2008 
STEVE HACKETT Out of the tunnel’s mouth 2009 
STEVE HACKETT Beyond the shrouded horizon 2011 
STEVE HACKETT Genesis revisited II 2012 
STEVE HACKETT Genesis Revisited: Live at Hammersmith 2013 
STEVE HACKETT Wolflight 2015 
STEVE HACKETT The night siren 2017 
STEVE HACKETT / DJABE Summer storms & rocking rivers (CD+DVD) 2017 

Italian
English