Home
 
KANSAS Somewhere to elsewhere Magna Carta 2000 USA

Il sogno di molti si realizza: a distanza di lunghi trascorsi la formazione del monolite riemerge con non poco stupore. L'immaginazione si spreca di fronte a speranze che oggi cercano un equilibrio tra passato e presente. Questi nuovi Kansas non tradiscono le aspettative ma certamente lasciano delle sorprese. Le sinfonie ricche di accenti e melodia alle quali ci hanno abituato cedono spesso il passo a una sonoritÓ marcatamente rock blues. La grinta non manca e persino la voce sembra la stessa anche se ora le parti appaiono pi¨ lineari e non al tipico progressive. Questo difficile bilancio non deve cercare la comoditÓ di confronto nei soliti classici ma ricordare che la matrice di questi musicisti rimane il rock. Realizzando un album con questo stile confermano la non dipendenza al compromesso.

 

Gerald Crich

Collegamenti ad altre recensioni

KANSAS Freaks of nature 1995 
KANSAS Always never the same 1998 
KANSAS Somewhere to elsewhere 2000 
KANSAS Device-voice-drum 2003 
PROTO-KAW Early recordings from Kansas 1971-1973 2002 
PROTO-KAW Before became after 2004 
PROTO-KAW The wait of glory 2006 
STEVE WALSH Shadowman 2005 

Italian
English