Home
 
CAST Four aces autoprod. 1995 MEX

Non ho mai visto una copertina pi autocelebrativa di questa: un ilare Arlecchino che tiene in mano le copertine dei quattro CD dei CAST, il presente compreso, ovviamente. Quattro CD pubblicati in meno di un anno... ed il quinto sembra che sia gi per strada, oltre all'album solista di Alfonso Vidales, altrove ospitato in questo numero. In quanto registrato quasi completamente ai giorni nostri (salvo una traccia del 1980 e una del 90), "Four aces" rappresenta forse l'opera pi matura, pi omogenea e, insomma... migliore tra le quattro, gli altri tre essendo essenzialmente relativi alla fine anni '80/inizio "90. La band messicana ci propone 9 brani di lunghezza compresa tra i 2 e i 17 minuti, sempre su una linea Genesis/Marillion molto melodica e con un grande lavoro di tastiere (A. Vidales il principale compositore dei brani). L'inizio senz'altro dei migliori, affidato com' agli 8 minuti di "In the light of darkness", caratterizzata da un potente riff di tastiere. Lo strumentale "Introverture" si sposta invece su orizzonti pi alla EL&P, mentre i 10 minuti di "Last will" ritornano su toni delicati, supportati dal bel cantata di Francisco Hernandez (il quale si alterna con Dino Brassea lungo tutto il CD). Saltiamo subito ai 17 minuti di "Echoes" (no, non si tratta di una cover), la pice-de-resistance dell'album, e forse anche il brano migliore, tutto sommato; molto sinfonico/progressiva e costituita da tre parti abbastanza diverse l'una dall'altra, anche se non effettivamente divise, questa composizione molto carina, caratterizzata da un testo molto romantico (o pensavate che si parlasse solo di arlecchini...?), in cui i due cantanti s'incontrano finalmente sullo stesso brano, e da dei momenti strumentali (i divisori tra una parte e l'altra) molto belli. Le ultime righe infine per menzionare il duetto piano/voce di "Winter" e la pi movimentata "Scenery", i due brani conclusivi del CD. Cosa dire a commento di tutto? I CAST non saranno la nuova rivelazione mondiale, ma gli amanti di un certo Prog ameranno certamente i loro album, specialmente quest'ultimo.

 

Alberto Nucci

Collegamenti ad altre recensioni

CAST Sounds of imagination / Third call 1994 
CAST Landing in a serious mind 1994 
CAST Endless signs 1995 
CAST Beyond reality 1996 
CAST A view of Cast 1997 
CAST Angels and demons 1997 
CAST Imaginary window 1999 
CAST A live experience 1999 
CAST Legacy 2000 
CAST Castalia 2001 
CAST Laguna de volcanes 2001 
CAST Infinity 2002 
CAST Al-Bandaluz 2003 
CAST Nimbus 2004 
CAST Mosaque 2006 
CAST Com.union 2007 
CAST Originallis 2009 
CAST Vida 2015 
CAST Power and outcome 2017 
PONCHO VIDALES Entre dos paredes 1995 

Italian
English