Home
 
CELESTE Celeste II Mellow Records 1991 ITA

Non faccio sforzi nell'identificare questo "Celeste II" come un disco per collezionisti. L'esigua tiratura (300 copie) e il tutto sommato limitato valore musicale dell'opera non possono far altro che supportare questa mia tesi. La registrazione dei brani risale addirittura al 1976 ed in pratica questo disco contiene il materiale che avrebbe dovuto comporre il secondo, mai pubblicato, album dei Celeste.
Le note che accompagnano l'LP identificano secondo me molto precisamente lo spirito che pervade le 4 composizioni. Sentite un po' cosa dicono: "Dopo la stimolante esperienza elettroacustica CELESTE sentì l'intimo desiderio di riconvertire parte della propria energia in pulsioni ritmiche rinnovate. Da qui l'esigenza di allargare l'organico con l'inserimento di un batterista. La nuova formazione, pur senza lasciare gli schemi che l'avevano contraddistinta nella prima uscita discografica, risulta più corposa e potente , confermando una vena compositiva ricca e ormai libera di spaziare accomunando vari stili musicali. Dei 4 brani qui presenti, due avrebbero dovuto far parte del secondo album ancora senza titolo, mentre i restanti rappresentano ossature, peraltro già in avanzata fase di realizzazione, registrate dal vivo in sala prove. Tecnicamente, sia come incisione, sia sotto il profilo squisitamente di esecuzione, la qualità non è eccelsa, ma rappresenta comunque uno dei momenti più entusiasmanti della nascita di una composizione."
Personalmente, dopo aver letto tali note ho pensato: "Mamma mia, deve essere proprio un aborto...!", ma sono stato in parte smentito dall'ascolto della prima facciata del disco che, tutto sommato, grazie soprattutto ad un discreto lavoro di sax, risulta apprezzabile. Torno comunque a ripeterlo: si tratta di un disco per collezionisti, da possedere per il solo gusto di averlo, tenendo presente che procurarselo tra qualche anno costerà qualcosa di più delle 40.000 lire attuali.

 

Riccardo Maranghi

Italian
English