Home
 
HILLMEN The whiskey mountain sessions Firepool Records 2011 USA

Free improvisation”. Parlano chiaro gli Hillmen nelle note di copertina. La loro musica è libera improvvisazione. E le quattro composizioni presenti in questo cd sono state registrate senza sovraincisioni in delle sessions in cui i musicisti non hanno fatto altro che incontrarsi e iniziare a suonare. Liberamente. Senza alcun accordo preso in precedenza. Senza alcuna struttura già abbozzata. E il fluire libero di note e ritmi si avverte in pieno in questi quarantatre minuti. L’anima sperimentale del progressive viene indirizzata verso un jazz-rock elettrico ed espressivo, caratterizzato da un sound secco, a tratti persino algido, senza fronzoli, con chitarra, organo e piano elettrico che interagiscono naturalmente, avvicinandosi, come attitudine, al Miles Davis che con “Bitches Brew” fece avvicinare in maniera esplosiva due generi che fino a poco tempo prima sembravano agli antipodi. L’improvvisazione degli Hillmen, tuttavia, non si spinge mai nettamente verso il jazz, o verso l’avanguardia, o verso il puro esibizionismo tecnico. E’ un sound in continuo divenire quello che ascoltiamo. Melodie avvolgenti, intarsi strumentali brillanti, con basso e batteria che sanno accelerare, rallentare, variare, o anche tenere ossessivamente lo stesso tempo per un po’. E’ un’improvvisazione il cui carattere di libertà e il cui orientamento fusion non vogliono comunque far perdere di vista il feeling. E così non è mai estrema, ogni tanto strizza l’occhio alle contaminazioni rock che tra fine anni ’60 e inizio ’70 potevano adottare artisti come Santana e Traffic e sa lasciarsi andare anche a solos infuocati. Senza dimenticare ipnotismi vagamente floydiani (in particolare all’inizio della terza traccia “Patio view”) che spingono verso la psichedelia… Si parte dal passato per arrivare al giorno d’oggi: timbri classici modernizzati, pulizia sonora e contaminazione che nonostante le influenze storiche appare moderna. I protagonisti? I nomi di Gayle Ellett e Mike Murray dovrebbero già dirvi qualcosa, considerando che si tratta, rispettivamente, del tastierista e del chitarrista dei Djam Karet, band che da ormai tanti anni porta avanti un discorso personalissimo, che ha sempre amato il rischio e che è sempre stata pronta a sperimentare. A completare la line-up troviamo poi il batterista Peter Hillman e il bassista Ralph Rivers (nei due brani conclusivi sostituito dall’ospite Steve Re). I quattro musicisti si sono incontrati a Topanga, in California, e hanno iniziato a suonare e questo “The Whiskey Mountain Sessions” (uscito per la Firepool Records, nuova etichetta dei Djam Karet) è il risultato finale, con il suo jazz-rock aperto a varie contaminazioni, con la sua forza di insieme, con la sua spontaneità coinvolgente. Il tutto da ascoltare con la dovuta attenzione e con il giusto trasporto.


Bookmark and Share
 

Peppe Di Spirito

Collegamenti ad altre recensioni

DJAM KARET New dark age 2001 
DJAM KARET Ascension: New Dark Age vol. 2 2001 
DJAM KARET A night for Baku 2003 
DJAM KARET No commercial potential 2004 
DJAM KARET Recollection harvest 2005 
DJAM KARET The heavy souls sessions 2010 
DJAM KARET The trip 2013 
DJAM KARET Regenerator 3017 2014 
DJAM KARET Sonic celluloid 2017 
FERNWOOD Almeria 2007 
FERNWOOD Sangita 2009 
FERNWOOD Arcadia 2015 
THE MASKIT CHAMBER The 4th wave 2001 
THE MASKIT CHAMBER Heaven machine 2001 
UKAB MAERD The waiting room 2010 

Italian
English