Home
 
KELP DWELLERS Surfacing autoprod. 2021 USA

Ecco l’ennesimo progetto parallelo messo in moto da membri dei Djam Karet. Stavolta i protagonisti sono Todd Montgomery alle chitarre, al mandoloncello elettrico, alle tastiere e ai sintetizzatori, Gayle Ellett al basso, alla chitarra 6 e 12 corde e al pianoforte e Craig Kahn al basso. Il nome scelto è Kelp Dwellers e si impegnano in quello che essi stessi definiscono “beach rock strumentale della California del Sud”. In effetti la definizione dà un’idea di quello che si ascolta nei nove brani di questo debutto eponimo. Le chitarre guidano costantemente con timbri morbidi verso temi che mostrano una certa leggerezza e che presentano molta solarità. Per lo più siamo di fronte a sentieri psichedelici che, anziché trasmettere suggestioni oniriche, si fiondano su quelle “good vibrations” di beachboysiana memoria. In qualche occasione si avvertono dei riferimenti alla musica dei Djam Karet, pur senza la forza dirompente di questi ultimi. Non manca qualche tentazione jazz-rock qua e là e ci sono pezzi che ci catapultano in pieno surf rock come “Westward mostly sunny” e “Otter Finley’s”. I quarantadue minuti dell’album, così, scorrono in maniera spensierata, con quella leggerezza cui abbiamo già fatto cenno, con quella sensazione di clima estivo e di feste al caldo della West Coast di qualche decennio fa. La base del sound, con tenor guitar, basso e batteria è stata registrata in dimensione live allo studio di Craig Kahn a Topanga. In seguito gli altri strumenti sono stati sovraincisi nello studio casalingo di Todd Montgomery a Malibu. Non è facile delineare un giudizio definitivo. Nel complesso il disco è gradevole, eppure si ha l’impressione che manchi qualcosa. Sarà forse che non ci sono grandi sobbalzi e dinamiche, visto che l’andamento ritmico, pur portato avanti con precisione e abilità, appare un po’ monocorde. O forse emerge troppo quella voglia di divertissement con quei riff e quelle docili melodie alla ricerca costante di tranquillità, al punto che, mentre la musica va avanti, ci fa desiderare qualcosa di più impegnativo. I brani scorrono con piacevolezza, ci si ritrova a battere il temo con i piedi e a muovere la testa, ci si rilassa anche, immaginandosi di essere cullati dalle onde del mare… e diciamo allora che per un ascolto spensierato va bene così.



Bookmark and Share

 

Peppe Di Spirito

Collegamenti ad altre recensioni

DJAM KARET New dark age 2001 
DJAM KARET Ascension: New Dark Age vol. 2 2001 
DJAM KARET A night for Baku 2003 
DJAM KARET No commercial potential 2004 
DJAM KARET Recollection harvest 2005 
DJAM KARET The heavy souls sessions 2010 
DJAM KARET The trip 2013 
DJAM KARET Regenerator 3017 2014 
DJAM KARET Sonic celluloid 2017 
DJAM KARET A sky full of stars for a roof 2019 
FERNWOOD Almeria 2007 
FERNWOOD Sangita 2009 
FERNWOOD Arcadia 2015 
HERD OF INSTINCT Herd of instinct 2011 
HERD OF INSTINCT Conjure 2013 
HILLMEN The whiskey mountain sessions 2011 
HILLMEN The Whiskey Mountain sessions, vol. II 2018 
SPOKE OF SHADOWS Spoke of Shadows 2014 
UKAB MAERD The waiting room 2010 

Italian
English