Home
 
FERNWOOD Arcadia Fernwood/White Horse One Music 2015 USA

Tra i vari progetti legati al mondo dei Djam Karet, uno dei più interessanti e stravaganti è sicuramente quello dei Fernwood. Si tratta di un duo formato da Gayle Ellett e Todd Montgomery ed è prevalentemente destinato ad un esplorazione sonora acustica, con chitarre in bella evidenza, ma con l’utilizzo di numerosi strumenti anche esotici, dal bouzouki al sitar, passando per la dilruba, il charango, la tanpura, il banjo, il mandolino, l’ukulele, ecc. “Arcadia” è il terzo album a nome Fernwood e non fa che confermare quanto di buono si era già detto dei precedenti lavori. Contiene undici brani deliziosi e finemente arrangiati, che con intriganti melodie e suoni ricchi di fascino si spingono in varie direzioni, da una solare e sorprendente aria di Mediterraneo alla sognante West Coast, dalla world music alla new-age, dal folk a tentazioni jazz. I quarantadue minuti e mezzo del cd scorrono con grande rilassatezza e regalano non poche emozioni grazie ai percorsi sonori intrapresi con estrema abilità la coppia Ellett-Montgomery. “Bells Spring” apre il disco con melodie ariose guidate dagli strumenti a corda e trasmette una grande serenità e può essere vista come una delle tracce che meglio rappresenta lo spirito del progetto. Ci sono brani che poi possono maggiormente entrare nelle grazie di chi ama le prove acustiche di Anthony Phillips, come “The pan chaser”, “Vision at Vasquesz Rocks” e “Owens hideway”. Fondamentalmente, però, è la contaminazione di stili diversi che mette bene in mostra le capacità dei Fernwood, sia a livello di composizione, sia a livello di coinvolgimento, attraverso una musica talmente evocativa da poter essere anche inquadrata come colonna sonora di un film immaginario. Qualche sporadico intervento di Moog, di Mellotron e di chitarre elettriche rende le cose un po’ più vivaci di tanto in tanto con armonizzazioni di grande classe (particolarmente intrigante risulta “The lost night”), ma fondamentalmente ci si mantiene sempre su sonorità carezzevoli e un po’ languide, che mantengono un certo fascino per l’intera durata dell’album. Una durata maggiore forse avrebbe creato, alla lunga, un po’ di stanca, quindi un plauso va anche all’accortezza che il duo ha mostrato nel mostrarsi conciso al punto giusto evitando inutilità prolissità. Concludiamo con una nota tecnica, indicando che i Fernwood hanno scelto di registrare “Arcadia” senza alcuna compressione e senza l’utilizzo di computer, al fine di mantenere quanto più possibile dinamico il suono.


Bookmark and Share

 

Peppe Di Spirito

Collegamenti ad altre recensioni

DJAM KARET New dark age 2001 
DJAM KARET Ascension: New Dark Age vol. 2 2001 
DJAM KARET A night for Baku 2003 
DJAM KARET No commercial potential 2004 
DJAM KARET Recollection harvest 2005 
DJAM KARET The heavy souls sessions 2010 
DJAM KARET The trip 2013 
DJAM KARET Regenerator 3017 2014 
DJAM KARET Sonic celluloid 2017 
FERNWOOD Almeria 2007 
FERNWOOD Sangita 2009 
HERD OF INSTINCT Herd of instinct 2011 
HERD OF INSTINCT Conjure 2013 
HILLMEN The whiskey mountain sessions 2011 
SPOKE OF SHADOWS Spoke of Shadows 2014 
THE MASKIT CHAMBER The 4th wave 2001 
THE MASKIT CHAMBER Heaven machine 2001 
UKAB MAERD The waiting room 2010 

Italian
English