Home
 
CAST Imaginary window autoprod. 1999 MEX

Il nuovo album dei Cast (ne ho perso il conto... l'ottavo forse, esclusi i live) presenta un ritorno ad atmosfere più sinfoniche e gioiose, dopo le sonorità un po' più cupe di "Angels and demons", e anche un po' meno jazzate del precedente "Beyond reality". Il genere musicale ormai dovreste conoscerlo: new Prog quanto a sonorità, Genesis e Camel per l'ispirazione. La prima parte del cd già quasi toglie il respiro per la bellezza dell'impasto sonoro, per l'onnipresenza (ma non l'invadenza) delle tastiere, per i frequenti interventi di flauto, per la melodicità di una chitarra molto hackettiana, per un cantato passionale e sapientemente dosato. Si tratta in prevalenza di brani brevi e veloci, con una ritmica spesso frenetica che poggia sul grande lavoro di tastiere di Alfonso Vidales, da sempre l'anima dei Cast, con la punta nel brano d'apertura "Moving universe". La seconda parte è caratterizzato dai due masterpieces di quest'album, due composizioni di una decina di minuti, la prima (la title-track) a formare una suite strumentale in tre parti dai toni epici, la seconda caratterizzata da una grande prestazione vocale e lirica. Un album che conferma alla grande un gruppo che si è lentamente imposto come tra i più importanti attualmente esistenti nel suo genere.

 

Alberto Nucci

Collegamenti ad altre recensioni

CAST Landing in a serious mind 1994 
CAST Sounds of imagination / Third call 1994 
CAST Endless signs 1995 
CAST Four aces 1995 
CAST Beyond reality 1996 
CAST Angels and demons 1997 
CAST A view of Cast 1997 
CAST A live experience 1999 
CAST Legacy 2000 
CAST Castalia 2001 
CAST Laguna de volcanes 2001 
CAST Infinity 2002 
CAST Al-Bandaluz 2003 
CAST Nimbus 2004 
CAST Mosaïque 2006 
CAST Com.union 2007 
CAST Originallis 2009 
CAST Vida 2015 
CAST Power and outcome 2017 
PONCHO VIDALES Entre dos paredes 1995 

Italian
English