Home
 
ROBERT REED Sanctuary live (CD+DVD) Tigermoth Productions 2017 UK

Dopo due apprezzati dischi in studio, Robert Reed decide di portare in sede live il suo progetto “Sanctuary”. Per chi non avesse seguito le “puntate precedenti” facciamo un veloce riassunto, ricordando che si tratta di una proposta dichiaratamente ispirata ai primi lavori di Mike Oldfield, quelli delle grandi suite “Tubular bells”, “Ommadawn” e “Hergest ridge”. Ottenuti interessanti risultati con gli album pubblicati nel 2014 e nel 2016, Reed organizza un concerto presso i Real World Studios per l’8 ottobre del 2016, che è stato registrato per questa pubblicazione della Tigermoth Productions. L’evento immortalato è ora disponibile in un cd e un DVD, contenuti in un’elegante confezione digipack.
Se in studio l’autore aveva potuto fare praticamente tutto da solo, per un live ha dovuto inevitabilmente contornarsi di svariati musicisti. E non poteva essere che elevato il numero di colleghi coinvolti che lo accompagnano sul palco, considerando che il parco strumenti necessario per l’esecuzione delle composizioni è bello ampio. Oltre all’autore, impegnato con chitarre, tastiere, vocoder, marimba, vibrafono e imprescindibili campane tubolari, ci sono ben dodici altre presenze sul palco, cinque delle quali sono coriste (tra le quali riconosciamo anche Christina Booth, compagna di vecchia data con i Magenta).
È quasi superfluo dirlo, ma Reed si conferma capace di organizzare le cose al meglio e le esecuzioni avvengono senza sbavature, riuscendo a trasmettere le stesse sensazioni positive con le quali avevano già colpito. Il compositore e polistrumentista è riuscito a creare delle opere ad ampio respiro che, seppur non siano affatto originali, risultano alla fine credibili e piacevolissime da ascoltare. Merito di quel mix ben calibrato di prog sinfonico/romantico, folk, rock e derivazioni classiche. Si vivono belle emozioni, quindi, riascoltando dal vivo quel susseguirsi di temi incantati, passaggi riflessivi, atmosfere ora malinconiche, ora più gioiose e allegre, vocalizzi femminili celestiali, spunti che denotano quel pizzico di mistero e irrequietezza.
Le opere di clonazione musicale sono un terreno molto insidioso, sul quale è facile inciampare e fare passi falsi che portano a brutte figure. Spesso rappresentano indice di scarsa personalità, ma in questo caso stiamo parlando di un personaggio che bazzica più o meno da un quarto di secolo nel mondo del progressive rock. Pur non proponendo nulla di originale, anzi spingendosi deliberatamente verso soluzioni sonore ben note, Reed sta riuscendo anche da solista a sfornare lavori di qualità dopo le varie esperienze con Magenta, Cyan, Fyreworks, ecc. Non abbiamo difficoltà, quindi, a ribadire che questi omaggi a Mike Oldfield sono proposte validissime caratterizzate da ottima musica e questo documento live ne è ulteriore testimonianza.



Bookmark and Share

 

Peppe Di Spirito

Collegamenti ad altre recensioni

CYAN For king and country 1993 
CYAN Pictures from the other side 1994 
CYAN Remastered 1997 
CYAN Echoes 1999 
CYAN The creeping vine 1999 
KIAMA Sign of IV 2016 
KOMPENDIUM Beneath the waves 2012 
KOMPENDIUM Elements 2013 
MAGENTA Revolutions 2001 
MAGENTA Another time... another place... 2004 
MAGENTA Seven 2004 
MAGENTA Home & The New York suite (ltd edition) 2006 
MAGENTA Live at Real World 2010 
MAGENTA The twenty seven club 2013 
ROBERT REED Willow’s song (EP) 2014 
ROBERT REED Sanctuary 2014 
ROBERT REED Sanctuary II 2016 
THE FYREWORKS The fyreworks 1997 

Italian
English